E-Bike…le abbiamo testate e ci siamo divertiti

Guide

Era da tantissimo tempo che volevo provare un e-bike, meglio note come biciclette a pedalata assistita.  Il loro uso è vario. C’e’ chi le usa in città per spostarsi, chi preferisce divertirsi sui sentieri di montagna e chi le adora per fare lunghi biketour. Ormai sulle ciclabili di tutta Europa se ne vedono sempre di più.

 

Non volevo provarle in pianura ma metterle alla prova su delle salite toste ed impegnative. So che i puristi del ciclismo storceranno un po’ il naso ma vi dico soltanto che personalmente mi son divertito tantissimo. Premetto che il mio allenamento è abbastanza scarso e che ho anche qualche chiletto di troppo…per non dire troppi. A mio parere offrono una validissima proposta per vedere un territorio e fare attività fisica non inquinando. Si fa fatica in salita? Che autonomia hanno?

Alla prima domanda vi rispondo che si suda lo stesso. Dipende poi da come si usa. Sicuramente se ne avete noleggiata una probabilmente non siete molto allenati ma allo stesso volete farmi una bella e lunga pedalata, stare in mezzo alla natura e scoprire nuovi posti.

Solitamente le e-bike hanno 3 o 4 funzioni che vi agevolano nella pedalata. Nel modello che ho usato io c’erano le funzioni: ECO, COUNTRY, SPORT e TURBO. Si parte da eco per avere un piccolo aiutino fino ad arrivare al turbo dove il motorino vi trasforma in un super ciclista da salita. Per attivare il tutto basta schiacciare un pulsantino sul manubrio.

Calcolate che le nuove e-bike mtb hanno motorini anche da 600 watt. Se l’ usate con la funzione Turbo diventerete meglio di un ciclista professionista ma l’autonomia che mi garantirà a livello di km non sarà elevata. Personalmente io ho usato quasi sempre la funzione Country e solo nei tratti più duri con pendenze superiori al 15% ho usato la funzione Sport. L’aiuto si sente ma la vostra sudata ve la fate lo stesso però senza arrivera in cima ad un passo alpino o ad un rifugio stravolti.  Nel ciclismo ,come in ogni sport serve allenamento e costanza ma se per vari motivi non potete allenarvi con regolarità, per divertirvi le e-bike sono una valida ed ecologica soluzione.

 

 

La prova l’ho fatta partendo da Sappada andando prima al passo Digola e poi al Rifugio Sorgenti del Piave (due punti opposti rispetto al centro di Sappada). Per capire come funzionavano e quanto potevo aspettarmi come ausilio da queste bici mi son affidato a Tiziano del negozio Punto Sport di Sappada.  Tiziano ci ha noleggiato a me e a Simona due e-bike mountain bike e dopo 3 minuti di pratica ci ha anche indicato vari percorsi da provare. Tiziano vuole sviluppare il turismo legato alle e-bike in questo bellissimo paese del Cadore e devo dire che il servizio, i mezzi  che mette a disposizione e la sua gentilissima sono al top. Siamo rimasti così entusiasti che presto andremo a provare altri percorsi che ci ha consigliato. Ci ha molto incuriosito parlandoci della Val Visdende e di altri tantissimi percorsi che si possono percorrere partendo da Sappada.

 

Abbiamo scelto Sappada come località, dove fare questa prova, in quanto è un paese da dove partono tantissimi percorsi da poter fare in bici e soprattutto perché cercavamo dei percorsi abbastanza lunghi su sterrato e con salite con un certo dislivello: alcuni percorsi li potete trovare su mtb Comelico

Le e-bike sono facili da usare? Facilissimo, pedali come su una normalissima bici e nelle salite più dure basta schiacciare un tasto e il motorino elettrico della bici ti aiuta molto.

Si fa fatica ad andare in salita? Abbiamo fatto 2 salite per un totale di circa 1200 metri di dislivello positivo con alcuni tratti con pendenze attorno al 20 % e siamo riusciti a salire. Dire che non si fa un  fatica fisica sarebbe ridicolo  ma almeno non si arriva scannati a fine giornata.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

E’ divertente? Tantissimo. Mi son sentito come il mio idolo da bambino (Pantani) e in una giornata sono riuscito ad arrivare ad  un passo (Passo Digola) e un rifugio (Sorgenti del Piave); mete in bici che con la mia preparazione fisica mai e poi mai sarei riuscito a raggiungere.

Autonomia? Non entro troppo nel dettaglio ma vi dico che ho pedalato per 5/6 ore, fatto 40 km e delle salite belle toste. Direi che per divertirsi e fare un po’ di sport sono fantastiche.  Costo del noleggio per una giornata intera? Dipende dal modello e dal negoziante ma in media si va dai 35 euro ai 50 euro giornalieri.

Ho vissuto una giornata strepitosa, mi son visto dei panorami unici e mi son divertito tantissimo.

 

Ci tengo anche a consigliare oltre al Punto Sport, negozio dove noleggiare le bici, anche un bellissimo posto dove dormire o soggiornare:  l’HouseMuhlbach Wellness Aqua Spa.  Spettacolo!!! Avevamo a disposizione un appartamento da 4 persone, pulitissimo, caratteristico, ampio e pulito. La spa è poi spettacolare come il giardino dove si può prendere il sole guardando le splendide montagne della zona (in giardino c’è anche una piscina). La gentilezza e la professionalità della proprietaria sono uniche. Ti senti coccolato dal primo all’ultimo minuto. Bravi e basta!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella speranza che questo articolo vi sia stato utile vi invitiamo a condividere le vostre foto ed esperienze mettendo eventualmente un MI PIACE alla nostra pagina facebook

 

https://www.facebook.com/groups/102224977196947/?ref=group_header

Scaricando inoltre l’app gratuita Blawalk o iscrivendovi al nostro sito www.blawalk.it  si possono proporre uscite e partecipare ad uscite organizzate da altri blawalker. E’ un’app che punta alla socializzazione e alla scoperta della natura. Si conoscono nuovi amici e appassionati di natura.

Lascia un commento