Via della Lana e della Seta: un cammino sensoriale

Guide

Se chiudo gli occhi la prima cosa che riemerge sono i profumi, con la nota di fondo delle ginestre, che ci avrebbero accompagnato lungo tutto il viandare.

Ma non sono solamente loro a riaffiorare: dopo i primi istanti di concentrazione riesco a distinguere nettamente anche la nota di fondo della rosa selvatica e del caprifoglio, stagliati nel bianco candore della Calvana.

 

 

“Matasse da (non) spiegare” di chiara angeli https://link.medium.com/1VKfG5flh4

 

 

 

ISTAGRAM : BLAWALKAPP

Lascia un commento