VAL DI LAUCO: borghi, stavoli e torrenti

Guide

Oggi vi propongo un percorso semplice, con poco dislivello, in una zona montuosa che adoro. Siamo nella Val Lauco e l’escursione ad anello che vi vado a descrivere  si sviluppa in gran parte lungo il sentiero Ivano Cimenti ( poeta e fondatore dell’associazione Pro Vinaio).
Malghe, antichi borghi, panorami, torrenti…c’e’ un po’ di tutto lungo questo itinerario che io e la mia dolce SimoSimo abbiamo percorso in senso orario. W la Carnia.

E’ una zona ricchissima di faggeti, fiori e animali selvatici, piena di sentieri da scoprire. Personalmente sono luoghi che adoro. Siamo in un contesto che è agli antipodi dalla vicine chiassose piste sciistiche dello Zoncolan.


Quando fare questa escursione? Direi che il periodo migliore va dalla primavera all’autunno. Calcolate 4/5 orette e un dislivello sui 480 metri. Cartina e bussola sempre al seguito. E’ difficile perdersi ma ci sono vari punti con molteplici bivi. Premetto che noi l’abbiamo percorso in inverno partendo verso le 12h. La lunghezza è di circa 13/14 km.

Adesso però partiamo. L’auto l’abbiamo lasciata a Vinaio, frazione di Lauco, a 807 metri sul livello del mare. Abbiamo utilizzato  il parcheggio posto di fronte alla canonica; poco distante parte il sentiero.

La prima parte si sviluppa tutta dentro il bosco. La traccia è quasi sempre abbastanza chiara ma qualche indicazione in più non guasterebbe. (N.b. subito dopo il semplice guado del Rio Fornace abbiamo dovuto un attimo orientarci con la cartina).

Terminata  questa parte uscite proprio nella Val di Lauco a 1188 m su un bellissimo altopiano posto ai piedi del Monte Claupa e Arvenis.

 

Siete nella parte centrale del percorso  nella zona degli stavoli. Continuate  a destra sulla strada asfaltata fino allo Stavolo Chians. Godetevi il panorama in questo regno di silenzio e pace.

 

Dopo una breve sosta ora  si riparte in discesa lungo una comoda strada forestale fino al bel borgo di Runchia. Molto carino.  Da qui proseguite fino Vinaio con la parte finale dell’ anello che costeggia il torrente Picchions.

 

 

DURATA:4/5 ORE

DISLIVELLO: 480 m

LUNGHEZZA: 13 KM

 

 

Nelle vicinanze oltre alla famosa forra del Vinadia vi consiglio di visitare:

1)Il Santuario della Madonna di Trava si trova nell’omonima frazione, ed è uno dei più piccoli e suggestivi santuari del Friuli. Costruito alla metà del ‘600, si credeva che l’immagine della Madonna custodita al suo interno avesse il potere di riportare in vita, per il breve tempo del battesimo, i bambini morti. La sua architettura è quella tipica delle chiesette votive carniche.

(info prese dal sito   www.borghiautenticiditalia.it/borgo/lauco).

 

 

Ricordatevi di scaricare l’app Blawalk e di darci una mano a farla conoscere: Blawalk

Istagram: Blawalkapp

Facebook: Blawalk

 

Lascia un commento