In bici alla riserva naturale della foce dell’Isonzo

Guide

Sapete qual è una delle miglior zone per fare birdwatching? Dove si può vedere un picchio nero che solitamente è presente nelle areE alpine? Vi sentite selvaggi come un cavallo  Camargue?  Dove posso trovare 300 specie  di uccelli  tra i quali il Chiurlo col suo becco lungo?  La risposta è la : Riserva naturale della foce dell’Isonzo.

Per andarla a visitare come spesso trovo la soluzione con l’abbinata treno e bici. Da solo? Ma noooooo…ho voglia di condividere, ridere e stare in compagnia .  Grazie all‘app Blawalk nei mesi precedenti  ho conosciuto delle persone con le mie stesse passioni: bici e natura.

Li contatto e l’uscita è fatta. Da due giorni  studiavo il percorso; io mi trovo benissimo con l‘app Koomot . Per vederlo con tutti i dettagli cliccate qui: PERCORSO. 

Spero vi sia utile.

 

 

 

Per quanto riguarda l’avifauna la Riserva ospita ingenti numeri di Anseriformi svernanti, tra cui il Fischione, l’Alzavola, l’Oca lombardella; in periodo riproduttivo sono presenti il Cavaliere d’Italia, il Falco di Palude, il Gruccione, il Fraticello, l’Edredone e la Beccaccia di mare. Per l’erpetofauna si segnalano la Testuggine palustre e la Rana di Lataste e tra i pesci il Nono ed il raro Storione cobice. (n.b. tutte info prese dal sito della Riserva).

Dal punto di vista botanico, l’area della foce dell’Isonzo è rilevante soprattutto per la presenza di numerosi habitat palustri, d’acqua salata, salmastra e dolce.

Ma non siete curiosi? Guardate che meraviglia. Il giro che vi propongo è ad anello. Partenza ed arrivo a Monfalcone. Io lo consiglio anche alle famiglie…i bambini sicuramente ritornerebbero entusiasti.

Si parte e subito dopo pochi km si arriva la mare.

 

Per un po’  adesso costeggerete il mare e il fiume Isonzo lungo una ciclabile bellissima.

 

Godetevi la giornata, fate delle pause per godervi questo spettacolo.

Indovinate chi vuole sempre tantissime foto?

 

 

 

Si riparte. Dimenticavo, per fare questo percorso potete usare qualsiasi tipo di bici (escluse quelle da corsa).

Eccoci arrivati all’Isonzo.

 

Si continua, facciamo anche un pezzetto in direzione del Caneo. Direi che merita? Prossimo giro ad anello: Grado, Caneo, Canavata, Grado.

 

E’ arrivato il momento del ristoro. Sempre graditissimo. Oltra alla compagnia…graditissime sorprese.

 

Si continua. Dopo la pausa pranzo il gruppo si divide. Lasciamo gli sportivi continuare fino ad Aquileia passando per Grado. Noi marmottine invece continuiamo il giro fino a Monfalcone.

 

 

Per passare una giornata speciale basta veramente poco, con l’app Blawalk proponendo un’uscita sei te, i tuoi ritmi, i tuoi interessi e conosci tante belle persone.

 

Lascia un commento